21 aprile 2017

Duole tanto
questa  mia
prima spina
nel cuore

(Jalesh)

 

Pubblicato in Pensiero | 6 commenti

Tra ll’arbere ‘e cerase (Tra gli alberi di ciliegie)

 

Foto di 65luna

Ma basta na jurnata ‘e sole che je so’ pazza
C’’o cchiù bello surriso tra ll’arbere ‘e cerase
Tu mme vase  mme accarézze sultante tu sulu tu
Nu po’ mai nascere nisciune te puo’ assumiglia’
Guaglione nun  te pozzo scurda’ te vojo bene
Ma il nostro Ammore è fernuto accussì

(Jalesh)

Mi basta una giornata di sole ed io divento pazza
Con il più bel sorriso tra gli alberi di ciliegie
Tu mi baci mi accarezzi soltanto tu solo tu
Non può nascere nessuno che ti possa assomigliare
Ragazzo non ti posso dimenticare ti voglio bene
Ma il nostro Amore è finito così….

(Jalesh)

Pubblicato in collaborazione foto e poesia, poesia dialettale | 8 commenti

la marea

 

La marea riversa sulla sabbia i resti del mare fra cui quella conchiglia e mi riaffiora in mente indietro con gli anni, quella indimenticabile estate.   (Jalesh)

Pubblicato in Pensiero | 21 commenti

Riflessi lunari

Foto di Tiferett

Riflessi argentei
accarezzano il mare
nel suo moto perpetuo

(Jalesh)

Pubblicato in collaborazione foto e poesia | 13 commenti

5 gennaio 2016

Non posso venire al mare, oggi, amore mio,  perchè ho la bronchite, ma ti mando un bacio da lontano con papà e sono sicura che ti arriverà ugualmente. Mi manchi da morire più il tempo passa e più forte è il dolore. Ti voglio bene tesoro, sei sempre l’amore di mamma, come dicevi sempre tu.

Pubblicato in Pensiero | 21 commenti

Buon Anno 2017

Immagine | Pubblicato il di | 14 commenti

Tanka (sette Natali senza Te)

Fotografia mia

sette Natali
ormai sono passati
ma dentro al cuore

mi rimane il ricordo
dell’ultimo insieme a te

(Jalesh)

Pubblicato in Tanka | 25 commenti

6 dicembre 2016

Oggi sarebbe stato il tuo compleanno. Ovunque tu sia ricorda che mamma e papà non ti dimenticheranno mai. Sei sempre nel nostro cuore

Pubblicato in Dedica | 23 commenti

Belfagor

 

Foto di Tiferett

Uscito alla luce lunare
Belfagor attira le anime
promettendo ricchezza
personificando il peccato
mortale dell’accidia

(Jalesh)

Pubblicato in collaborazione foto e poesia | 6 commenti

Ce soir

Je suis triste ce soir, j’ai le coeur gros.

Pubblicato in Pensiero | 6 commenti

Vertigo

Vertigo
assillante fastidio dell’equilibrio
che mi prende
a volte
improvvisamente

Svirgola
la mia fervida mente
immagina neri fantasmi
che naturalmente
intimoriscono

Svio
cercando un pronto rimedio
affinchè io possa
il controllo
riprendere

Spazzo
dalla mia tormentata anima
ogni pensiero nero
proseguendo vivendo
spensierata

(Jalesh)

Pubblicato in Le Petit Onze | 13 commenti

Nos mains (Senryu solo nella versione francese)

fotografia di Violeta Dyli

Ma main dans ta main
Un lien inséparable
Amour pour toujours

(Jalesh)

La mia mano nella tua
Un legame inseparabile
Amore per sempre

(Jalesh)

Pubblicato in collaborazione foto e poesia, senryu | 14 commenti

Pensiero notturno

Sono qui a tormentarmi, mentre passa il tempo e l’età avanza come un istrice. E che cosa mi sono goduta io della vita?? Ansia, tormento, angoscie e dolori. Alla fine sarà come per gli altri che hanno invece vissuto con serenità, speranza, e soprattutto allegria.  (Jalesh)

Pubblicato in Pensiero | 40 commenti

Una volta…

Era un giornata piovosa, ma Vittorio sentiva il bisogno di sgranchirsi le gambe e nonostante sarebbe stato meglio stare davanti al camino e rimanere al caldo, prese l’ombrello, indossò l’impermeabile ed uscì di casa. Erano giorni che stava rintanato in quella casa, a pensare a ricordare, a pentirsi di alcune alzate di testa dei tempi che furono. Aveva voglia di leggere qualcosa, perciò si diresse verso il negozio di libri, deciso a trovare un compagno libro per le sue triste serate in perfetta solitudine. Cominciò a sfogliare qua e là, e mentre leggeva vide una raccolta di poesie, ma non fece caso all’autore….iniziò i primi versi …

CON TE
Il mio sguardo Ti accarezza
I miei occhi Ti parlano
Il mio sorriso Ti avvolge
Le mie labbra Ti sussurrano
Ti amo Amore mio come non mai
Il Tuo viso si illumina.
R.C.

…il cuore cominciò a battere all’impazzata, Vittorio riconobbe quei versi..”Ha deciso di raccogliere le sue poesie”, pensò…. e con furia sfogliò la biografia dell’autore….non ci furono dubbi …era lei…quei versi, scritti tanti anni fa per Lui solo per Lui. Ebbe come un capogiro….non l’aveva mai più dimenticata, ma era troppo giovane per riconoscere che quello era il Vero Amore, e se lo lasciò sfuggire come vola via una rondine finita la primavera…Ricorda ancora il loro ultimo appuntamento, come se fosse stato ieri. Lei stava per prendere il traghetto e lasciare l’Isola, l’ultimo suo tentativo di fargli capire quanto lo amasse, ma all’ultimo rintocco dell’orologio del campanile della Chiesa vicino al molo….Lei saliva sul traghetto che la portava via definitivamente da quei luoghi….Sono passati tanti ma tanti anni, Vittorio non seppe mai più nulla, ma Lei è ancora nel suo cuore…..Tenendo stretto il libro che raccoglie le sue poesie si avviò verso casa…..ormai non gli resta nientr’altro di Lei…..

Pubblicato in poesia, racconto | 18 commenti

La mémoire (Il ricordo)

La mémoire fait parfois mal au cœur et rien ne peut effacer cette tristesse qui circule dans nos veines. (Jalesh)

A volte il ricordo  fa male al cuore e nulla può cancellare quella tristezza che circola nelle nostre vene. (Jalesh)

Pubblicato in Pensiero | 21 commenti

Aforisma

La vita ti mette a dura prova, ma tu sfidala, combattila e vincerai. (Jalesh)

Pubblicato in aforisma | 7 commenti

I granelli del rosario

Come i granelli del rosario si spargono quà e là  sogni perduti e sogni da realizzare. Ma all’imbrunire quando la notte sopraggiunge i granelli si radunano e le speranze svaniscono per poi ricomporsi  alle prime luci del nuovo giorno. (Jalesh)

Pubblicato in Pensiero | 8 commenti

Momenti

Ci sono certe sere che pensi a momenti belli e momenti brutti del passato. Sono passati sette anni, sono passati due anni, e via dicendo….ma effettivamente cos’è che turba il tuo bioritmo in questi frangenti ?. La solitudine, la mancanza di dolcezza, l’assenza dell’amore, il rammarico, il pentimento, il dolore, o la pseudofelicità? Potrei continuare all’infinito, ma non saprei darmi e darvi una risposta. É una di quelle sere in cui vorresti gridare al mondo ciò che ti logora dentro e vorrebbe uscire dalla mente, dal cuore , dalle viscere, pur di ritornare ad una tranquillità apparente, ma che almeno non ti fa stare male.  (Jalesh)

Pubblicato in Pensiero | 17 commenti

Taijitu

Grazie  alla fotografia di Kalosf.

Lotta tra il bene e il male
buono e cattivo polarità Taijitu *
L’eterno conflitto esistenziale

(Jalesh)

* è un famoso simbolo della cultura cinese e in particolare della religione taoista e filosofia confuciana

Pubblicato in collaborazione foto e poesia, poesia | 10 commenti

Senza Te

Bigia questa giornata
insonne notte ricordando
malinconico risveglio
senza la tua presenza

(Jalesh)

Pubblicato in Pensiero | 12 commenti

Meta agognata. (Grazie a Kalosf per la sua fotografia)

 

Foto di Kalosf

Salgo
a perdifiato gli scalini
tutti i vicoli
son uguali
disorientata

persa
continuo a salire vicoli
uscita non trovo
mi siedo
esausta

Troverò
la via del ritorno
che mi condurrà
alla salvezza
agognata

(Jalesh)

Pubblicato in Le Petit Onze | 17 commenti

Dubbi sul reale

 

Impresso
nella mente il momento
della sua vita
più brutto
ricorda

la
morte di sua madre
con il viso
nel lenzuolo
avvolto

Magritte
trasmette il  chiaro messaggio
insinuando il dubbio
nel reale
stesso

(Jalesh)

Les amants di Magritte

Pubblicato in Le Petit Onze | 15 commenti

Tormento

Belva inferocita si avventa sulla preda, non la molla la dilania. Come la mia psiche, che vacila sempre più, da continue ansie paure, che tormentano la mia vita e la mia anima e non mi lasciano godere questa mia esistenza. (Jalesh)

Pubblicato in Pensiero | 15 commenti

21 aprile 2016

Come dimenticare, anche se sono passati tanti tanti anni, ben 45 anni. Sei stato il mio primo grande dolore e sarai sempre nel mio cuore. (Jalesh)

Pubblicato in Pensiero | 17 commenti

Era il 1943…

 

Era l’inizio della seconda guerra mondiale, gli sguardi e i sorrisi che si scambiavano erano diventati abbracci e baci, ma si svolgeva tutto all’oscuro. Nessuno sapeva. Lei aveva 16 anni e lui 25 anni. Erano felice e presto lui avrebbe chiesto la sua mano. Ma la guerra rovinò tutto, arrivò la chiamata alle armi. La disperazione crebbe nei due ragazzi ma la patria chiamava. Gli addii  furono strazianti e di sotterfugio  promisero di scriversi con un appellativo femminile. Prima di abbracciarla le disse: “Non importa dove andrò, noi due saremo sempre sotto la stessa luna”. Era il 1943, fu mandato in Africa del Nord e ben presto catturato prigioniero e spedito in America, nel Missouri Mississipi, poi in altri campi di concentramento americani. La corrispondenza era di rado, la guerra continuava e gli anni passavano. Ma in tutte le lettere l’amore aumentava ed il finale era sempre lo stesso, la esortava a tenere duro e alla fine si firmava con la solita frase: Non importa dove andrò, noi due saremo sempre sotto la stessa luna.”
Finita la guerra lui tornò a casa sano e salvo, erano passati ben 4 anni, ormai la famiglia era a conoscenza del loro amore e nessuno si oppose al loro matrimonio il 3 dicembre del 1947.

Jalesh

Pubblicato in racconto | 20 commenti