Illusione ( collaborazione con Tiferett di foto e versi)

Foto di Tiferett

Sogno o son desta?
un disco volante
sù nel cielo blu
mi appare luminoso
offusca le stelle
gira vorticosamente
un sibilo mi distoglie
la camomilla è pronta
meglio vado a nanna

(Jalesh)

Pubblicato in collaborazione foto e poesia | 11 commenti

Che delusione….

Ore
ad aspettare che arrivi
una sua telefonata
anche oggi
niente

Quanta
sofferenza gratuita ci riserva
l’essere genitore
non intromettendosi
mai

Meglio
essere pedante ed assilante?
per forza maggiore
potresti avere
riscontro

Quanto
sarebbe bello se avvenisse
con il cuore
senza elemosinare
amore

(Jalesh)

Pubblicato in Le Petit Onze, Pensiero | 9 commenti

Nel tuo ricordo

Nella mancanza della tua fisicità
cerco di ricordare la tua voce
il ricordo è vivo in me più che mai
ma fatico a ricordare qualche tono
mi concentro chiudo gli occhi
e la mente vaga e riesce a sentire
in un momento di spiritualità
la tua inconfondibile voce e parole
che “sono musica all’orecchio solitario”

(Jalesh)

incipit di George Byron

Pubblicato in poesia | 11 commenti

Smarrimento

Che sto facendo ? Mi sto distruggendo piano piano, ogni giorno di più. Mi sento sola senza un appoggio morale ed affettuoso. Valgo meno del nulla. Sono certa di essere cercata solo perchè in quel momento faccio comodo. Vorrei credere in me stessa, ma questo è stato sempre il mio punto debole. Sembro forte e tutti mi si aggrappono, ma in realtà sono fragile e nessuno riesce a capirlo. Ho bisogno di essere amata, coccolata, capita, e presa in considerazione. Sono stanca, vorrei avere un pò di tranquillità, ma sembra un’utopia. Tutto quello che faccio, in questo momento mi sembra fatuo, inutile, vorrei poter avere la fiducia che avevo tempo fa in me stessa, ma mi ha abbandonato da tempo. Anche adesso sto scrivendo su di un blog le mie emozioni, le mie paure, le mie debolezze, credendo di poter avere  delle rispote, di essere capita da un mondo virtuale…. ma ci rendiamo conto a che punto sono arrivata?? Debbo reagire, altrimenti sarà il crollo e ciò non deve succedere assolutamente. Ho sempre affrontato con coraggio e decisione tutta la mia vita e problemi ben più gravi, e anche adesso debbo farcela e spazzare via tutte queste mie insicurezze. Tornare ad aver fiducia in me stessa e sorridere alla vita. Sì, perchè la vita è il dono più bello che ci è stato dato.

Pubblicato in Pensiero | 33 commenti

Sanguinano

Su cristalli acuminati
scivolano i miei pensieri
si lacerano sanguinano
tento con tutte le forze
di sanarli di proteggerli
ma non credo riuscirci

(Jalesh)

Pubblicato in Pensiero | 12 commenti

La Madonna che scioglie i nodi

Ci sono delle serate in cui non si riesce a dormire. Questa è una di quelle. Forse sarà la temperatura freddina, che ti tiene sveglia, forse saranno i ricordi, forse saranno le paure, forse i pensieri quotidiani, forse i dolori. Un pot-pourri * che ti vaga per la mente e non riesci a prendere sonno. Allora mi viene in mente, un’amica di mia zia. che pensando a me e alle mie tribolazioni mi ha consigliato di andare a Santa Maria Maggiore a Roma davanti al quadro della Madonna che scioglie i nodi. Non ci sono ancora andata, il caso ha voluto che quel giorno che sono arrivata davanti alla Chiesa c’era una fila chilometrica e ho rinunciato. Ma mi riprometto di riandarci, non ho rinunciato però a leggere con convinzione, e detto da me è tutto da crederci, la preghiera rivolta a questa Madonna. Questa sera oltre a leggerla ve la propongo. Buonanotte e speriamo che La Madonna che scioglie i nodi ci ascolti.

Vergine Maria, Madre che non hai mai abbandonato un figliolo che grida aiuto, Madre le cui mani lavorano senza sosta per i tuoi figli tanto amati, perché sono spinte dall’amore divino e dall’infinita misericordia che esce dal tuo cuore, volgi verso di me il tuo sguardo pieno di compassione, guarda il cumulo di ‘nodi’ che soffocano la mia vita. Tu conosci la mia disperazione e il mio dolore. Sai quanto mi paralizzano questi nodi e li ripongo tutti nelle tue mani. Nessuno, neanche il demonio, può sottrarmi dal tuo aiuto misericordioso. Nelle tue mani non c’è un nodo che non sia sciolto. Vergine madre, con la grazia e il tuo potere d’intercessione presso tuo Figlio Gesù, mio Salvatore, ricevi oggi questo ‘nodo’ (nominarlo se possibile). Per la gloria di Dio ti chiedo di scioglierlo e di scioglierlo per sempre. Spero in te. Sei l’unica consolatrice che il Padre mi ha dato. Sei la fortezza delle mie deboli forze, la ricchezza delle mie miserie, la liberazione da tutto ciò che m’impedisce di essere con Cristo. Accogli la mia richiesta. Preservami, guidami, proteggimi. Sii il mio rifugio. Maria, che sciogli i nodi, prega per me.

*mescolanza di cose eterogenee; miscuglio, accozzaglia: un p. di osservazioni, di citazioni

Pubblicato in Pensiero | 7 commenti

21 aprile 2017

Duole tanto
questa  mia
prima spina
nel cuore

(Jalesh)

 

Pubblicato in Pensiero | 10 commenti

Tra ll’arbere ‘e cerase (Tra gli alberi di ciliegie)

 

Foto di 65luna

Ma basta na jurnata ‘e sole che je so’ pazza
C’’o cchiù bello surriso tra ll’arbere ‘e cerase
Tu mme vase  mme accarézze sultante tu sulu tu
Nu po’ mai nascere nisciune te puo’ assumiglia’
Guaglione nun  te pozzo scurda’ te vojo bene
Ma il nostro Ammore è fernuto accussì

(Jalesh)

Mi basta una giornata di sole ed io divento pazza
Con il più bel sorriso tra gli alberi di ciliegie
Tu mi baci mi accarezzi soltanto tu solo tu
Non può nascere nessuno che ti possa assomigliare
Ragazzo non ti posso dimenticare ti voglio bene
Ma il nostro Amore è finito così….

(Jalesh)

Pubblicato in collaborazione foto e poesia, poesia dialettale | 8 commenti

la marea

 

La marea riversa sulla sabbia i resti del mare fra cui quella conchiglia e mi riaffiora in mente indietro con gli anni, quella indimenticabile estate.   (Jalesh)

Pubblicato in Pensiero | 21 commenti

Riflessi lunari

Foto di Tiferett

Riflessi argentei
accarezzano il mare
nel suo moto perpetuo

(Jalesh)

Pubblicato in collaborazione foto e poesia | 13 commenti

5 gennaio 2016

Non posso venire al mare, oggi, amore mio,  perchè ho la bronchite, ma ti mando un bacio da lontano con papà e sono sicura che ti arriverà ugualmente. Mi manchi da morire più il tempo passa e più forte è il dolore. Ti voglio bene tesoro, sei sempre l’amore di mamma, come dicevi sempre tu.

Pubblicato in Pensiero | 21 commenti

Buon Anno 2017

Immagine | Pubblicato il di | 14 commenti

Tanka (sette Natali senza Te)

Fotografia mia

sette Natali
ormai sono passati
ma dentro al cuore

mi rimane il ricordo
dell’ultimo insieme a te

(Jalesh)

Pubblicato in Tanka | 25 commenti

6 dicembre 2016

Oggi sarebbe stato il tuo compleanno. Ovunque tu sia ricorda che mamma e papà non ti dimenticheranno mai. Sei sempre nel nostro cuore

Pubblicato in Dedica | 23 commenti

Belfagor

 

Foto di Tiferett

Uscito alla luce lunare
Belfagor attira le anime
promettendo ricchezza
personificando il peccato
mortale dell’accidia

(Jalesh)

Pubblicato in collaborazione foto e poesia | 6 commenti

Ce soir

Je suis triste ce soir, j’ai le coeur gros.

Pubblicato in Pensiero | 6 commenti

Vertigo

Vertigo
assillante fastidio dell’equilibrio
che mi prende
a volte
improvvisamente

Svirgola
la mia fervida mente
immagina neri fantasmi
che naturalmente
intimoriscono

Svio
cercando un pronto rimedio
affinchè io possa
il controllo
riprendere

Spazzo
dalla mia tormentata anima
ogni pensiero nero
proseguendo vivendo
spensierata

(Jalesh)

Pubblicato in Le Petit Onze | 13 commenti

Nos mains (Senryu solo nella versione francese)

fotografia di Violeta Dyli

Ma main dans ta main
Un lien inséparable
Amour pour toujours

(Jalesh)

La mia mano nella tua
Un legame inseparabile
Amore per sempre

(Jalesh)

Pubblicato in collaborazione foto e poesia, senryu | 14 commenti

Pensiero notturno

Sono qui a tormentarmi, mentre passa il tempo e l’età avanza come un istrice. E che cosa mi sono goduta io della vita?? Ansia, tormento, angoscie e dolori. Alla fine sarà come per gli altri che hanno invece vissuto con serenità, speranza, e soprattutto allegria.  (Jalesh)

Pubblicato in Pensiero | 40 commenti

Una volta…

Era un giornata piovosa, ma Vittorio sentiva il bisogno di sgranchirsi le gambe e nonostante sarebbe stato meglio stare davanti al camino e rimanere al caldo, prese l’ombrello, indossò l’impermeabile ed uscì di casa. Erano giorni che stava rintanato in quella casa, a pensare a ricordare, a pentirsi di alcune alzate di testa dei tempi che furono. Aveva voglia di leggere qualcosa, perciò si diresse verso il negozio di libri, deciso a trovare un compagno libro per le sue triste serate in perfetta solitudine. Cominciò a sfogliare qua e là, e mentre leggeva vide una raccolta di poesie, ma non fece caso all’autore….iniziò i primi versi …

CON TE
Il mio sguardo Ti accarezza
I miei occhi Ti parlano
Il mio sorriso Ti avvolge
Le mie labbra Ti sussurrano
Ti amo Amore mio come non mai
Il Tuo viso si illumina.
R.C.

…il cuore cominciò a battere all’impazzata, Vittorio riconobbe quei versi..”Ha deciso di raccogliere le sue poesie”, pensò…. e con furia sfogliò la biografia dell’autore….non ci furono dubbi …era lei…quei versi, scritti tanti anni fa per Lui solo per Lui. Ebbe come un capogiro….non l’aveva mai più dimenticata, ma era troppo giovane per riconoscere che quello era il Vero Amore, e se lo lasciò sfuggire come vola via una rondine finita la primavera…Ricorda ancora il loro ultimo appuntamento, come se fosse stato ieri. Lei stava per prendere il traghetto e lasciare l’Isola, l’ultimo suo tentativo di fargli capire quanto lo amasse, ma all’ultimo rintocco dell’orologio del campanile della Chiesa vicino al molo….Lei saliva sul traghetto che la portava via definitivamente da quei luoghi….Sono passati tanti ma tanti anni, Vittorio non seppe mai più nulla, ma Lei è ancora nel suo cuore…..Tenendo stretto il libro che raccoglie le sue poesie si avviò verso casa…..ormai non gli resta nientr’altro di Lei…..

Pubblicato in poesia, racconto | 18 commenti

La mémoire (Il ricordo)

La mémoire fait parfois mal au cœur et rien ne peut effacer cette tristesse qui circule dans nos veines. (Jalesh)

A volte il ricordo  fa male al cuore e nulla può cancellare quella tristezza che circola nelle nostre vene. (Jalesh)

Pubblicato in Pensiero | 21 commenti

Aforisma

La vita ti mette a dura prova, ma tu sfidala, combattila e vincerai. (Jalesh)

Pubblicato in aforisma | 7 commenti

I granelli del rosario

Come i granelli del rosario si spargono quà e là  sogni perduti e sogni da realizzare. Ma all’imbrunire quando la notte sopraggiunge i granelli si radunano e le speranze svaniscono per poi ricomporsi  alle prime luci del nuovo giorno. (Jalesh)

Pubblicato in Pensiero | 8 commenti

Momenti

Ci sono certe sere che pensi a momenti belli e momenti brutti del passato. Sono passati sette anni, sono passati due anni, e via dicendo….ma effettivamente cos’è che turba il tuo bioritmo in questi frangenti ?. La solitudine, la mancanza di dolcezza, l’assenza dell’amore, il rammarico, il pentimento, il dolore, o la pseudofelicità? Potrei continuare all’infinito, ma non saprei darmi e darvi una risposta. É una di quelle sere in cui vorresti gridare al mondo ciò che ti logora dentro e vorrebbe uscire dalla mente, dal cuore , dalle viscere, pur di ritornare ad una tranquillità apparente, ma che almeno non ti fa stare male.  (Jalesh)

Pubblicato in Pensiero | 17 commenti

Taijitu

Grazie  alla fotografia di Kalosf.

Lotta tra il bene e il male
buono e cattivo polarità Taijitu *
L’eterno conflitto esistenziale

(Jalesh)

* è un famoso simbolo della cultura cinese e in particolare della religione taoista e filosofia confuciana

Pubblicato in collaborazione foto e poesia, poesia | 10 commenti