ETOILES/ STELLE

Ce soir le ciel est plein d’etoiles
Leur lumière éclaircit la nuit
La lune sourit et un enfant rêve
Mes yeux verts te regardent
Soudain tout s’obscurcit et
On ne voit plus rien
L’enfant s’émerveille, il a peur
Un frastuono colpisce la mia mente
Mi guardo intorno non vedo nulla
I miei occhi scrutano meglio
Lo sguardo va oltre l’orizzonte
Paura? Emozione? Sorpresa? Speranza?
Lo vedremo e quel giorno raggiungeremo
La verità.

Questa sera il cielo è pieno di Stelle
La loro luce schiarisce la notte
La luna sorride ed il bimbo sogna
I miei occhi verdi ti guardano
Improvvisamente tutto si oscura e
Non si vede più nulla
Il bambino si meraviglia, egli ha paura
Un frastuono colpisce la mia mente
Mi guardo intorno non vedo nulla
I miei occhi scrutano meglio
Lo sguardo va oltre l’orizzonte
Paura? Emozione? Sorpresa? Speranza?
Lo vedremo e quel giorno raggiungeremo
La verità.

Informazioni su jalesh

Jalesh (Signore protettore dell'acqua) La vita nasce dall'acqua è l'acqua è vita. Tutte le culture nella storia del nostro pianeta hanno attribuito all'acqua il più elevato valore simbolico e le hanno riconosciuto il ruolo centrale nella vita umana. Vitruvio sostiene che senza l’energia proveniente dai quattro elementi (aria-fuoco-terra-acqua) nulla può crescere e vivere; per questo una divina mens ne ha reso facile la reperibilità. L’acqua, in particolare, “est maxime necessaria et ad vitam et ad delectationes et ad usum cotidianum”, senza trascurare il fatto, dice Vitruvio, che è gratuita. Così essa non è mai una sola cosa: è fiume e mare, è dolce e salata, è nemica ed amica, è confine e infinito, è “principio e fine” dice Eraclito
Questa voce è stata pubblicata in poesia. Contrassegna il permalink.

8 risposte a ETOILES/ STELLE

  1. Pingback: ETOILES/ STELLE — jalesh – TYT

  2. Rosemary3 ha detto:

    Un abbraccio, carissima! ❤
    Ros

  3. Onda ha detto:

    Molto, molto bella! Adoro gli scritti in cui vengono mischiate più lingue…
    Ho soltanto due correzioni da farti: “Leur” invece di “Leure” e “S’obscurcit” invece di “S’obscure”, ma per il resto, nulla da segnalare! Mi è piacuta molto questa poesia, complimenti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...