Un viaggio in barca indimenticabile

Giulio aveva preso da poco il brevetto di Skipper ed insieme ad un suo amico, che aveva una bella barca, intrapresero da La Spezia un bel viaggietto verso Civitavecchia e Fiumicino. Erano i primi di giugno, l’aria era abbastanza calda. Fu un viaggio indimenticabile. Dopo due giorni di navigazione ormeggiarono la barca al porticciolo di Fiumicino. Il tempo era splendido e la serata prometteva bene. Scesero e si diressero verso un localino piano bar per divertirsi un pò. Giulio si guardava intorno e ad un tratto vide una bella ragazza tutta sola e pensierosa. Si avvicinò e cominciarono a parlare parlare come vecchi amici, mentre il suo amico sorseggiava un drink. Tiziana aveva due occhi verdi come il mare ed un sorriso smagliante, Giulio chiese al cameriere di farsi portare uno champagne rosato e Tiziana aggiunse due porzioni di fragole ribes nero e uva. Li servirono in ciotole con il ghiaccio dentro. Verso la mezzanotte Tiziana volle andare a casa e Giulio l’accompagnò in una casetta poco lontano dal molo e notò una feritoia nel muro di cinta accanto al cancello che fungeva come buca delle lettere. Giulio le diede un bacio sulla guancia ed ancora ne sente l’emozione. Prese l’indirizzo ed il giorno dopo ripartirono per La Spezia. Giulo scrisse una mirade di lettere a Tiziana, ma sempre senza risposta. Oggi dopo circa quaranta anni ormeggaiva nuovamente sul molo di Fiumicino e non poteva non verificare se c’era ancora quella casetta con quella singolare e originale buca delle lettere. C’era ma la casa era diroccata. Sconsolato ritornò sulla barca e si lasciò dondolare sognando e fantasticando quel momento indimenticabile di tanti tanti anni fa.

Informazioni su jalesh

Jalesh (Signore protettore dell'acqua) La vita nasce dall'acqua è l'acqua è vita. Tutte le culture nella storia del nostro pianeta hanno attribuito all'acqua il più elevato valore simbolico e le hanno riconosciuto il ruolo centrale nella vita umana. Vitruvio sostiene che senza l’energia proveniente dai quattro elementi (aria-fuoco-terra-acqua) nulla può crescere e vivere; per questo una divina mens ne ha reso facile la reperibilità. L’acqua, in particolare, “est maxime necessaria et ad vitam et ad delectationes et ad usum cotidianum”, senza trascurare il fatto, dice Vitruvio, che è gratuita. Così essa non è mai una sola cosa: è fiume e mare, è dolce e salata, è nemica ed amica, è confine e infinito, è “principio e fine” dice Eraclito
Questa voce è stata pubblicata in racconto. Contrassegna il permalink.

11 risposte a Un viaggio in barca indimenticabile

  1. pikaciccio ha detto:

    un romantico momento

  2. maxilpoeta ha detto:

    ci sono momenti che rimangono impressi in noi per l’eternità, attimi di cui ricorderemo solo le nostre emozioni, impresse come orme nella sabbia dei pensieri.
    Ottimo scritto! 😉

  3. rinaldoambrosia ha detto:

    Si alza, come un’onda, la dimensione dell’abbandono. Un abbraccio 🙂

  4. fulvialuna1 ha detto:

    Bello vivere di sogni…che tale a volte restano.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...