Un dolcissimo ricordo (Foto di Tiferett)

lanostracommedia

Quando ero bimba andavamo a passware le vacanze al casolare di nonna.  I nostri giochi preferiti erano quelli di una volta, saltare alla corda e a nascondino. Ero esile e piccolina, nonostante le raccomandazioni della nonna a non andare nella stanza semi oscura al riparo dal sole dietro al casolare, dove teneva le provviste per l’inverno, io andavo a nascondermi tra le giare disposte anche sulla finestra e mai nessuno mi trovava. Ricordo ancora l’odore acre misto tra aceto, olive melanzane sott’olio che entrava nelle narici che mi dava un senso di sicurezza, di famiglia, e pensavo a quando avremmo consumato tutti insieme queste scorte che nonna faceva. Un dolcissimo ricordo.

J.

View original post

Informazioni su jalesh

Jalesh (Signore protettore dell'acqua) La vita nasce dall'acqua è l'acqua è vita. Tutte le culture nella storia del nostro pianeta hanno attribuito all'acqua il più elevato valore simbolico e le hanno riconosciuto il ruolo centrale nella vita umana. Vitruvio sostiene che senza l’energia proveniente dai quattro elementi (aria-fuoco-terra-acqua) nulla può crescere e vivere; per questo una divina mens ne ha reso facile la reperibilità. L’acqua, in particolare, “est maxime necessaria et ad vitam et ad delectationes et ad usum cotidianum”, senza trascurare il fatto, dice Vitruvio, che è gratuita. Così essa non è mai una sola cosa: è fiume e mare, è dolce e salata, è nemica ed amica, è confine e infinito, è “principio e fine” dice Eraclito
Questa voce è stata pubblicata in collaborazione foto e poesia, racconto. Contrassegna il permalink.

30 risposte a Un dolcissimo ricordo (Foto di Tiferett)

  1. 65luna ha detto:

    Teneri ricordi, chapeau ad entrambi! 65Luna

  2. viola ha detto:

    Ottima collaborazione artistica con lo scatto fantastico di Lorenzo .I tuoi ricordi di infanzia sono simili ai miei .un abbraccio ❤

  3. Trilce ha detto:

    L’arte ha più valore quando tocca le nostre emozioni. Bravissimi entrambi.

  4. ombreflessuose ha detto:

    Cara Jalesh, sono ricordi indelebili che lasciano ancora oggi odore di buono e bene
    Grazie, gradita molto
    Abbraccio e complimenti allo foto di Lorenzo
    Mistral

  5. Omar Arcobaleno ha detto:

    Il tempo cancella quasi tutto tranne i bellissimi ricordi incise sulla memoria…
    Buon inizio settimana 🙂

  6. Tiferett ha detto:

    Uno stupendo racconto che permette di riflettere sul vero valore della vita.
    Grazie Jalesh

  7. fulvialuna1 ha detto:

    Un ricordo dell’infanzia porta la mente in un mondo di dolcezza.
    (in casa ho la giara dove mia nonna conservava l’olio…)

  8. gelsobianco ha detto:

    Grazie a te per il tuo scritto su un tuo ricordo d’infanzia, Jalesh. 🙂
    Mi hai fatto venire in mente les Petites Madeleines di Proust.
    Bella la collaborazione artistica tra te e Tiferett.
    Un sorriso
    gb

  9. Omar Arcobaleno ha detto:

    Un passaggio per augurarti una serena serata 🙂

  10. mariamastrocola ha detto:

    Sono contenta di aver letto questo tuo ricordo e mi fa sentire meglio perché mi sentivo impoverita per aver scritto quel piccolo mio ricordo.
    Ora non me ne vergogno più e se lo farò ancora mi capirai!!! Un forte abbraccio Maria

  11. ombreflessuose ha detto:

    Un abbraccio da Mistral

  12. tachimio ha detto:

    I ricirdi della nostra infanzia sono sempre teneri e indelebili. Un abbraccio e complimenti ad entrambi , bravissimi. Isabella

  13. Pingback: SABATOBLOGGER 17. I blog che seguo | intempestivoviandante's Blog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...