3 luglio 2012

Un’ombra cade
Sul tetto dell’amore
Fine di un ciclo

(Jalesh)

Informazioni su jalesh

Jalesh (Signore protettore dell'acqua) La vita nasce dall'acqua è l'acqua è vita. Tutte le culture nella storia del nostro pianeta hanno attribuito all'acqua il più elevato valore simbolico e le hanno riconosciuto il ruolo centrale nella vita umana. Vitruvio sostiene che senza l’energia proveniente dai quattro elementi (aria-fuoco-terra-acqua) nulla può crescere e vivere; per questo una divina mens ne ha reso facile la reperibilità. L’acqua, in particolare, “est maxime necessaria et ad vitam et ad delectationes et ad usum cotidianum”, senza trascurare il fatto, dice Vitruvio, che è gratuita. Così essa non è mai una sola cosa: è fiume e mare, è dolce e salata, è nemica ed amica, è confine e infinito, è “principio e fine” dice Eraclito
Questa voce è stata pubblicata in Haiku. Contrassegna il permalink.

15 risposte a 3 luglio 2012

  1. Paolo Secondini ha detto:

    Tre versi molto belli, pieni di intensa malinconia, forse anche di rimpianto. Tutto finisce, purtroppo, anche le cose più belle, che fino a ieri hanno fatto vibrare, di gioia e speranza, il nostro cuore.

  2. parolesenzasuono ha detto:

    fine o inizio, chi può dire?

  3. IL PIANTO DI MEHREGIAH ha detto:

    Un crogiolo di vita in fermento, dove l’ombra può velare il processo di fine e rinascita dei sentimenti.

    Un caro saluto.

    Mehregiah

  4. ombreflessuose ha detto:

    Quel tetto che poco prima ci proteggeva, si è lasciato intappolare dal buio
    Splendidi versi
    Grazie mia cara Jalesh
    Bacione
    Mistral

  5. Elenausa2009 ha detto:

    Tutto finisce, purtroppo! Abbraccio

  6. ombreflessuose ha detto:

    Ciao cara Jalesh, passo per un caro saluto e un buon weekend
    Bacione
    Mistral

  7. ombreflessuose ha detto:

    Buona domenica cara Jalesh
    Bacione
    Mistral

  8. ombreflessuose ha detto:

    Buon mattino Jalseh, grazie della tua amicizia
    Un bacione
    Mistral

  9. Rosemary3 ha detto:

    Leggerti è sempre un inccanto, cara: l’inizio e la fine in un ciclo che si ripete all’infinito…
    Un caro abbraccio
    Ros

  10. chiaramarinoni ha detto:

    Ciao, bella e triste come tutto ciò che finisce. Un sorriso
    Chiara

  11. luciagriffo ha detto:

    In tre versi: una svolta. Particolare e malinconico nel suo insieme, ma musicale e bello!
    Lucia

  12. geleselibero ha detto:

    no no no, non riesco a visualizzare la fine del ciclo. Un ombra che cade su un tetto mi sembra uno svenimento momentaneo.
    Nessun danno, solo il sintomo di un malessere che non riesce ad andare giù con tutto il suo peso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...